Fonte

fonteIl comune di Fonte presenta la peculiarità di essere un comune sparso in quanto la sede del comune di trova nella frazione di  Fonte.

Grazie alla particolare composizione del terreno il comune fu abitato fin dall’epoca neolitca, infatti sono numerosi i reperti di utensili e di armi in pietra.Le prime notizie certe della conformazione dell’attuale territorio di Fonte si hanno solo in epoca romana con l’utilizzo dei toponomi di Fonte e Onè, la prima relativamente alla presenza di diverse sorgenti mentre la seconda per la rigogliosa crescita, nell’allora foresta, della pianta di ontano ( oner in dialetto veneto).

One di Fonte, inoltre, è una delle località coinvolte nelle vicende che, tra l’XI secolo e il XIII secolo, videro come protagonista la potente famiglia degli Ezzelini. Il centro è citato nel computo delle molte proprietà della casata, stilato dopo la sua sconfitta avvenuta nel 1260.

In cima al monte San Nicolo si possono scorgere le rovine del castello che costituiscono la più importante testimonianza dell’epoca medievale.

Di particolare interesse la chiesa parrochiale dedicata alla Madonna del Carmine e costruita per volere della famiglia Badoer nel seicento.

La chiesa arcipretale che domina Fonte intitolata ai santi Pietro e Paolo fu edificata su preesistenze risalenti al 1330. All’interno si possono ammirare i dipinti del Jacopo da Bassano e il dipinto del Canaletto.

Nel territorio di Fonte vi sono presenti numerose ville tra cui spiccano Villa Nervo, l’attuale municipio,fu innalzata nel Settecento,Villa Rinaldi, Ca’Pasini palazzo in stile Veneziano, Ca’ Malombra, Ca’Muttoni,Ca’Salom Pisani,Ca’Malombra Bellotto e Ca’Badoer

Comments

comments