Crespano del Grappa

cres

Ai piedi del Monte Grappa si sviluppa Crespano del Grappa importante crocevia per la storia della Pedemontana del Grappa.

Grazie ad alcuni reperti archeologici si conviene che i primi insediamenti a Crespano del Grappa risalgono già al periodo romano come dimostra ad esempio il sarcofago del romano Carlo Vettonio.

A cavallo del XI secolo e il XIII secolo Crespano del Grappa fu una località di particolare interesse per la famiglia degli Ezzellini.Di particolare interesse sin dal 1300 dove i numerosi scritti rivelano una notevole attività artigianale che portò nei secoli ad una produzione laniera di altissimo livello.

Di particolare pregio architettonico la piazza con la fontana, il Duomo interamente in marmo  al cui interno vi si può ammirare le opere dei principali artisti del territorio come i gessi del Canova, Villa Manfrotto Canal, il santuario dedicato alla Madonna del Covolo il cui progetto fu commissionato al celebre Antonio Canova, il ponte del Diavolo che collega Crespano del Grappa a Paderno del Grappa.

A Crespano del Grappa presso il Palazzo Reale vi è il museo della Grande Guerra con la raccolta di oltre un migliaio di reperti, dalle armi agli oggetti della vita quotidiana, opportunamente catalogati e raccolti in tre sale su appositi espositori.Le tre sale sono a tema la 1ª sala “il rancio”, la 2ª sala “l’ospedale da campo” ed il “tempo libero” e la 3ª sala “la trincea”.Ogni tema è illustrato ed approfondito da pannelli e da foto che riproducono momenti significativi della Grande Guerra sul Massiccio del Grappa. Altri oggetti non esposti per mancanza di spazio hanno trovato collocazione nel soppalco della 1ª sala e nelle cassettiere dei vari armadi-espositori.

Alla domenica mattina si svolge il flokloristico Mercato, con grande raccolta di persone dal circondario.

Di particolare interesse in ambito culturale-musicale è la Società filarmonica di Crespano del Grappa la cui fondazione risale nel 1823.

Comments

comments